< Torna alla categoria

La misericordia di Dio ci accompagna tutti i giorni della nostra vita

Liturgia10 Ottobre 2019
Testo dell'audio

Fin quando noi, figli di Dio, dovremo peregrinare – tristi e piangenti, in questa valle di lacrime, in esilio e nella sofferenza della vita terrena – non vi è altra preghiera che sia più necessaria e opportuna del Kyrie; questo umile grido alla misericordia di Dio Uno e Trino, poiché “clemente e pietoso è il Signore, tardo all’ira e pieno di bontà” (Sal. 103,8).

L’uomo, nato di donna, è breve di giorni e sazio di agitazioni (Gb. 14,1), di tutti i suoi giorni pieni di dolori, delle sue occupazioni piene di molestie (Eccl. 2,23): e chi le potrebbe contare – peccati, tentazioni, pericoli, indigenze, infermità, sofferenze, miserie, malattie, preoccupazioni, contraddizioni, fatiche e afflizioni che, in questo mondo, occupano la mente dell’uomo e appesantiscono il suo cuore? La povera umanità trova liberazione e redenzione, protezione e aiuto, consolazione e ristoro solamente presso Dio, perché Egli è buono, poiché per secoli è la Sua misericordia (Sal. 118,1).

Come un padre che ha compassione dei suoi figli, così il Signore ha misericordia di coloro che sono timorati; perché Egli sa di cosa siamo plasmati, ricorda che siamo polvere (Sal. 103,14). Misericordia di Dio Uno e Trino: ah, e chi di noi uomini potrebbe meglio usufruirne, poiché sappiamo bene quanto siamo indebitati al cospetto di Dio coi nostri peccati: da Dio Uno e Trino viene la protezione, l’aiuto e la consolazione. E chi potrebbe averne più impellente bisogno dell’uomo che, malgrado la sua superbia, in realtà è la debolezza stessa; l’uomo dalla culla alla tomba, nel suo faticoso tragitto attraverso la vita: debole nella fanciullezza, decrepito nella vecchiaia, senz’aiuto quando muore?

La misericordia di Dio ci accompagna per tutti i giorni della nostra vita (Sal. 23,6): come una stella del Cielo che mai tramonta, essa splende soave e consolante su di noi, alla mattina come alla sera del nostro pellegrinaggio. Ma affinché la pienezza delle misericordie di Dio giunga a noi, il grido del Kyrie deve uscire da un cuore che sente profondamente la propria penuria e miseria.

Da Facebook