Catechesi

Vai alla categoria >
Catechesi14 Dicembre 2018

Reatus culpae e Reatus poenae

La colpa consiste nel fatto di avere offeso Dio, non osservando la Sua santa legge. Il reatus poenae significa il danno che è stato causato dal peccato commesso, ossia la conseguenza dannosa del peccato

Catechesi12 Dicembre 2018

La torre di Babele

Nonostante il diluvio universale, gli uomini non cessano di offendere Dio. Essi vogliono costruire una città, Babele, e, in mezzo a questa città, una torre altissima, capace di arrivare fino al trono di Dio. L’impresa non poteva piacere a Dio, perché era frutto della superbia e della disubbidienza. Perciò Dio corregge la superbia degli uomini, facendo sorgere tra di loro la diversità delle lingue; la reciproca incomprensione genera, tra i costruttori della torre, una grande confusione. Oggi per imparare una nuova lingua occorre umiltà e sforzo. Dio castiga, perché vuole bene agli uomini; i castighi divini sono sempre salutari.

Catechesi10 Dicembre 2018

Remissio Peccatorum

La remissione dei peccati è dono di Dio e scaturisce dalla Sua infinita misericordia. La Fede cattolica professa che per gli uomini peccatori c’è la possibilità di ottenere perdono per i loro peccati.

Cultura Cattolica

Vai alla categoria >
Storia14 Dicembre 2018

San Giovanni Damasceno, colui che spiegò il valore della materia

San Giovanni Damasceno, con cui si è soliti far terminare la patristica orientale, dovette combattere la grande eresia dell’iconoclastia.

Apologetica13 Dicembre 2018

Il cattolico cosa deve scegliere: identità o globalizzazione?

Corrado Gnerre, curatore della rubrica di Apologetica su radioromalibera.org, in questo podcast si pone il problema se il cattolico debba scegliere l’identità o la globalizzazione.

Catechesi12 Dicembre 2018

La torre di Babele

Nonostante il diluvio universale, gli uomini non cessano di offendere Dio. Essi vogliono costruire una città, Babele, e, in mezzo a questa città, una torre altissima, capace di arrivare fino al trono di Dio. L’impresa non poteva piacere a Dio, perché era frutto della superbia e della disubbidienza. Perciò Dio corregge la superbia degli uomini, facendo sorgere tra di loro la diversità delle lingue; la reciproca incomprensione genera, tra i costruttori della torre, una grande confusione. Oggi per imparare una nuova lingua occorre umiltà e sforzo. Dio castiga, perché vuole bene agli uomini; i castighi divini sono sempre salutari.

Liturgia

Vai alla categoria >
Liturgia31 Ottobre 2018

La morte di Cristo sulla Croce come vero sacrificio

Nella Sua vita mortale Gesù Cristo fu il mediatore perfetto, il vero Sommo Sacerdote del genere umano. Egli ha offerto sulla croce Sé Stesso a Dio come sacrificio immacolato. Per questo il Padre Lo ha santificato e inviato nel mondo al momento della Sua Incarnazione.

Liturgia28 Ottobre 2018

Cristo Re e la Sua Regalità Sociale

La regalità di Cristo su tutti gli uomini è soprattutto spirituale, ma anche sociale. Ed era per celebrare e per promuovere questa sua regalità sociale che Papa Pio XI scrisse la sua enciclica Quas primas e stabilì la festa di Cristo Re per la Chiesa universale.

Liturgia24 Ottobre 2018

Cristo è disceso a noi per innalzarci

Il nostro Signore, che “per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo”, non è solamente grande, potente, santo e quindi assolutamente degno di lode, ma è diventato anche piccolo, povero, umile e, proprio per questo, quanto mai amabile.

Spiritualità

Vai alla categoria >
Spiritualità11 Dicembre 2018

Le armi spirituali contro il demonio

Un altro nome del Demonio è dio o Principe di questo mondo, ma non bisogna … Leggi tutto “Le armi spirituali contro il demonio”

Spiritualità08 Dicembre 2018

“La superbia è la causa di ogni rovina”

Dal peccato della superbia segue un secondo peccato, quello dell’invidia, perché il superbo prova risentimento verso un altro che possiede delle qualità che attribuisce falsamente a sé stesso.

Spiritualità04 Dicembre 2018

La Dottrina Cattolica sul Demonio

L’esistenza del Demonio è un articolo di fede, malgrado tutto ciò che i modernisti possono dirci con i loro sforzi e fino a diminuire allo zero la nostra fede.