Catechesi

Vai alla categoria >
Catechesi30 Luglio 2018

Nostro Signore Gesù Cristo

Chi è Gesù Cristo? Gesù Cristo è il Dio-Uomo: Dio in quanto è una Persona divina con una natura divina; Uomo in quanto all’Incarnazione assunse inoltre alla divina natura una natura umana. Questa Persona divina è la seconda Persona della Santissima Trinità, il Figlio. Assumendo la natura umana al momento dell’Incarnazione, assunse al contempo il nome di “Gesù Cristo”.

Catechesi27 Luglio 2018

Dio Padre

Dopo aver riflettuto sull’unità di Dio ci rivolgiamo ora all’aspetto della sua Paternità, seguendo il Credo che professa: “Credo in un solo Dio, Padre onnipotente”. Allora Iddio è Padre in tre sensi: è Padre del suo Figlio Divino secondo la Sua natura divina; è Padre di tutti gli uomini battezzati tramite la Grazia; ed è Padre di tutti gli uomini come il loro Creatore.

Catechesi23 Luglio 2018

Dio Trino

La dottrina della Santissima Trinità è un mistero, cioè una dottrina oscura alla ragione, che la sola ragione non può raggiungere né completamente comprendere. La dottrina della Santissima Trinità si chiama il “mistero dei misteri”, o il “mistero per eccellenza”, che anche dopo la sua Rivelazione la ragione non può penetrare che minimamente.

Cultura Cattolica

Vai alla categoria >
Cultura Cattolica18 Agosto 2018

Crema, perla nel cuore della pianura padana

Dai primi insediamenti in epoca pre-romana a Matilde di Canossa, che la cedette alla Diocesi di Cremona. Devastata dal Barbarossa, fiorì dal punto di vista economico, culturale ed architettonico.

Cultura Cattolica17 Agosto 2018

Il beato Innocenzo XI difensore della fede e della cristianità

Un’altra pagina di drammatica ed eroica resistenza cristiana contro l’espansionismo ottomano.

Cultura Cattolica16 Agosto 2018

Perchè l’arte contemporanea è così brutta…

In questo video il prof. Corrado Gnerre risponde al quesito: Come mai l’arte è cosi radicalmente cambiata nel corso della storia? Ci sono state delle motivazioni che possono spiegare questo cambiamento?

Liturgia

Vai alla categoria >
Liturgia08 Agosto 2018

Il Sacrificio in senso proprio

Con la parola “sacrificio” s’intende un certo mutamento o trasformazione di un oggetto tramite l’offerta di esso per significare in maniera sensibile l’assoluta maestà e dominio di Dio, così come la completa dipendenza e sottomissione dell’uomo.

Liturgia05 Agosto 2018

La virtù della religiosità

La virtù della religiosità è oltremodo preziosa e benefica. Essa insegna a riconoscere umilmente la propria piccolezza e miseria e a onorare Dio, la Cui immensità non ha fine, dimostrandoGli in ogni cosa il dovuto onore, il che ci procura le più copiose grazie.

Liturgia29 Luglio 2018

Si adora Dio con l’anima e con il corpo

Attraverso l’anima l’uomo è capo e signore del corpo, che è creatura inconscia e dipendente; ma anch’esso deve venir adoperato per la glorificazione del Creatore. In particolare attraverso il culto esteriore, l’uomo può e deve far uso della natura visibile al servizio e per la lode del suo Creatore. Tale uso nel culto religioso conferisce alla natura insensibile un più alto grado di consacrazione e virtù.

Spiritualità

Vai alla categoria >
Spiritualità31 Luglio 2018

Il direttore spirituale e l’autorità della Chiesa

“Dio, avendo costituita la Chiesa come società gerarchica”, scrive Padre Tanquerey, “volle che le anime fossero santificate per mezzo della sottomissione al Papa e ai vescovi nel foro esterno e ai confessori nel foro interno”.

Spiritualità28 Luglio 2018

Il direttore spirituale

Guardiamo prima la necessità di un direttore (maestro spirituale / confessore regolare) rispetto ai pericoli della vita spirituale, e poi rispetto all’autorità della Chiesa; e dopo le qualità che convengono ad un tale.

Spiritualità24 Luglio 2018

La difficoltà della vita spirituale

La vita umana è una lotta. Noi, deboli e miseri, siamo mandati via su una strada stretta e pericolosa attraverso un terreno pieno di nemici, coll’avvertimento: “Siate perfetti!”. Bisogna esserlo pure, perché il nostro compito è niente meno che di raggiungere il Paradiso: idealmente senza passare neanche per il Purgatorio.