< Torna alla categoria

La festa del Nome di Maria

Analisi e commenti07 Settembre 2020
Testo dell'audio

Nel mese di settembre si celebrano tre feste dedicate alla Madonna.

La prima, l’8 settembre, è quella della Natività della Beata Vergine Maria, che dopo essere stata concepita l’8 dicembre, vide la luce, nove mesi dopo, l’8 settembre.

La seconda festività, che ricorre, il 12 settembre, è quella del Santissimo Nome di Maria.

La terza, il 15 settembre, quella di Maria Addolorata.


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Soffermiamoci un momento sulla festa del Nome di Maria.

Il nome di Maria non fu trovato né inventato dagli uomini ma fu scelto da Dio, fin dall’eternità. In Dio tutto è coeterno, non esiste un prima e un dopo, tuttavia, secondo il linguaggio umano, possiamo dire che Maria fu pensata da Dio prima di creare il Cielo e la terra e anzi il Cielo e la terra furono in un certo senso ordinati a Lei, perché Ella ne fosse Signora e Regina.

Il nome di Maria evoca quello del mare. San Bonaventura sostiene che tutte le grazie che hanno avuto gli angeli, gli apostoli, i martiri, i confessori, le vergini, sono confluite in Maria, il mare di grazie e san Luigi Maria Grignion di Montfort dice: “Dio Padre ha radunato tutte le acque e le ha chiamate mare, ha radunato tutte le grazie e le ha chiamate Maria” (Trattato della Vera Devozione, n. 23). Per questo, il nome di Maria, come ricorda sant’Alfonso de’Liguori, è pieno di ogni dolcezza divina come quella di Gesù. “Non parlo qui di una dolcezza sensibile, che non è concessa comunemente a tutti”, spiega il santo. “Parlo della salutare dolcezza di conforto, di amore, di letizia, di fiducia e di forza, che il nome di Maria dona comunemente a quelli che lo pronunciano con devozione” (Le Glorie di Maria).


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Ma Maria non è solo un mare di infinita dolcezza, è anche un “mare amaro” di infiniti dolori, che la Passione di Nostro Signore racchiude. A Maria si applica così una delle lamentazioni del profeta Geremia (1, 12): O vos omnes qui transitis per viam, attendite et videte, si est dolor sicut dolor meus; “O voi tutti che passate per la via, fermatevi e guardate, se c’è un dolore simile al mio”.

Il mare però rappresenta anche la nostra vita, esposta ai venti e alle correnti turbinose. Ma di questo mare, Maria è Padrona. Perciò san Bernardo la definisce Stella Maris.  “stella rilucente e meravigliosa che elevata sull’ immensità di questo mare splende radiosa per i suoi meriti e i suoi fulgidi esempi”. E così continua. “O tu che nelle vicissitudini della vita. più che camminare per terra hai l’impressione di essere sballottato fra tempeste e uragani, se non vuoi finire travolto dall’infuriare dei flutti, non distogliere Io sguardo dal chiarore di questa stella! Se insorgono i venti delle tentazioni se t’imbatti negli scogli delle tribolazioni guarda la stella, invoca Maria  Seguendo lei non andrai fuori strada, pregandola non dispererai, pensando a lei non sbaglierai. Se ella ti sostiene non cadrai, se ella ti protegge non avrai nulla da temere, se ella ti guida non ti affaticherai, se ti sarà favorevole giungerai alla mèta e così potrai sperimentare tu stesso quanto giustamente sia stato detto: ” e il nome della vergine era Maria.” (Omelia in lode alla Vergine Maria)

La festa del nome di Maria è stata istituita dal beato Innocenzo XI per commemorare una grande vittoria cristiana contro l’Islam: la liberazione di Vienna dai Turchi l’11 settembre 1683, come aveva fatto san Pio V, istituendo la festa della Madonna del Rosario per commemorare la vittoria di Lepanto del 7 ottobre 1571.


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Come san Pio V, il Beato Innocenzo XI, era convinto che la vittoria cristiana fosse dovuta alla Madonna e fosse stata ottenuta nel suo nome. A Roma, una chiesa dedicata al Santissimo Nome di Maria fu costruita al Foro Traiano, per ricordare la vittoria di Vienna.
Dopo il nome di Gesù non c’è nome più grande e più venerabile che possa risuonare nel cielo e nella terra di quello di Maria, e Maria è sempre stata la grande protettrice della Civiltà Cristiana. Per questo ricordiamo con particolare fervore la sua festa e nel suo nome continuiamo a combattere in difesa della Civiltà occidentale e cristiana.

Da Facebook