< Torna alla categoria

Il Giudizio

Catechesi19 Agosto 2019
Testo dell'audio

Tutto questo per ciò che riguarda il corpo. Domandiamoci adesso che cosa è accaduto dell’anima immortale ed incorruttibile, che poco fa l’informava. E’ questa e la questione veramente interessante per noi in questo studio del Purgatorio. La Fede c’insegna che l’anima nell’istante medesimo in cui si è svincolata dal corpo è comparsa davanti al suo Giudice, e tutte le rivelazioni dei Santi ci confermano la verità del giudizio particolare, imediato e inappellabile.

E siccome su tale argomento ci si presentano rnolte importanti questioni, cerchiamo qui di studiarle e risolverle per ordine. Ciò che sopra ogni altra cosa attrarrà l’attenzione, e farà fissare lo sguardo dell’anima, quel primo sguardo misuratore dell’eternità, sarà la persona del Giudice. Dalla Sacra Scrittura apprendiamo che questo Giudice non sarà altro che Cristo. S. Giovanni ci dice che il Padre non giudicherà nessuno, avendo riservato al Figlio ogni giudizio: Pater non iudicat quemquam, omne iudicium dedit Filio (Jo., 5, 22-23).

Negli Atti degli Apostoli leggiamo che Cristo è stato costituito da Dio giudice dei vivi e dei morti: Constitutus est a Deo iudex vivorum et mortuorum (Act., 10, 42). Ermete nel suo libro De Pastore, S. Gregorio Magno nei suoi scritti, come pure S. Giovanni Damasceno, S. Giovanni Climaco, e in tempi a noi più vicini S. Geltrude, S. Lutgarda, S. Francesca Romana, S. Teresa e tutte le anime sante, alle quali Iddio ha fatto la grazia di contemplare i misteri dell’altra vita, ci confermano con le loro rivelazioni questa verità di fede.

I teologi fanno questione se l’umanità di Cristo si manifesti visibilmente ad ogni anima, e su questo punto sono molto discordi. Il Card. Bona, nel suo trattato De discretione spirituum, si esprime così “Alla fine del mondo comparirà Gesù Cristo nel suo corpo e nella sua gloria, quando verrà a giudicare i vivi e i morti; non è certo però se egli apparirà a ciascun uomo in forma visibile, come taluni scrissero: Non è neppure accertato in qual maniera nostro Signore compirà questo giudizio particolare di ciascun uomo; questo solo si sa che avverrà in un momento, in un batter d’occhio. Ed è perciò che un’apparizione, dirò così, intellettuale di questo Giudice sovrano basterà a compiere tale giudizio” (Op. cit., cap. 20).

Da ciò risulta che il sapiente Cardinale esita di pronunziarsi, quantunque evidentemente propenda per la sentenza negativa. Non mancano tuttavia teologi di merito i quali ritengono che il divin Maestro si sveli a ciascuno nella verità della sua carne trasfigurata e gloriosa, ed avvalorano la loro opinione con ragioni molto plausibili.

Tuttavia qualunque sia il modo col quale il divin Salvatore si rivela all’anima, è certo che nel momento stesso in cui gli occhi del corpo, si chiudono alla luce di quaggiù, lo sguardo dell’anima s’illumina ed intuisce e contempla l’adorabile figura di Cristo, suo Giudice. Tutto questo ci porta a domandare dove si faccia il giudizio. La risposta è facile: il giudizio si farà in quel luogo medesimo in cui l’anima si separa dal corpo. Che bisogno infatti avrebbe questa di andare lungi di là, a cercare il tribunale che la dovrà giudicare?

Da Facebook