< Torna alla categoria

Fine della cattività babilonese

Catechismo per bambini15 Gennaio 2020
Testo dell'audio

Dopo 70 anni di schiavitù e di esilio, grazie all’editto di Ciro, re dei persiani, gli ebrei ritornarono in patria per riedificare il Tempio, rifare le mura e la città di Gerusalemme. Nonostante il nuovo Tempio fosse molto inferiore a quello edificato da Salomone, Dio promise che la sua gloria sarebbe stata superiore perché esso avrebbe accolto tra le sue mura la presenza del Messia. Sebbene il popolo abbia fatto ritorno a Gerusalemme, tuttavia, fino alla nascita di Cristo, visse sempre sotto il dominio di potenze straniere.

In primo luogo dai re di Persia, poi da Alessandro Magno, poi dai re d’Egitto, poi dai re di Siria; contro i crudeli re di Siria si sono ribellati i maccabei; poi gli imperatori romani che hanno fatto della Palestina una provincia. Nell’anno 70 dopo Cristo, gli ebrei si ribellano contro i romani. Essi distruggono la città e il Tempio, per la seconda volta. D’allora, il Tempio non fu più riedificato. Tutto questo per castigare il terribile peccato di idolatria.

Da Facebook