< Torna alla categoria

Efficacia del sacrificio nell’Antico Testamento

Liturgia09 Settembre 2018
Testo dell'audio

Con il primo peccato dei progenitori, a causa del quale tutto il genere umano decadde, fu distrutto l’ordine primordiale della Grazia. Dio non volle lasciare che il mondo infelice sprofondasse nell’abisso della miseria terrena e nella morte eterna, ma nel Suo immenso amore e bontà volle liberare l’umanità prigioniera, rialzarla e arricchirla dei beni della Grazia e della gloria. Questa riabilitazione doveva avvenire nella pienezza dei tempi “mediante la Redenzione che è in Cristo Gesù” (Rom. 3,24). Gesù Cristo, tramite il Suo sacrificio sulla croce, è la salvezza per tutto il mondo e per tutti i secoli: sin dall’inizio non fu dato agli uomini nessun altro nome sotto il Cielo per ottenere la beatitudine al di fuori di nostro Signore e Redentore Gesù Cristo (At. 4,11).

Anche nell’epoca precristiana, quindi, nessuno poteva accedere alla vita di grazia e all’eterna salvezza senza l’unione con Cristo: ma questa unione poteva avvenire allora solo tramite la fede soprannaturale nel Redentore promesso. Per rendere possibile la fede, necessaria alla Salvezza per tutta l’umanità, come anche la speranza e la carità, il cui fondamento è la fede, Dio ha donato in tutti i tempi il Suo ausilio e la Sua Grazia. “Il mistero della Redenzione non fu mai, anche nell’Antico Testamento, senza effetto. Dio non ha provveduto alle vicende umane con un nuovo decreto, e nemmeno con una misericordia prevista nel futuro, ma sin dalla fondazione del mondo Egli ha aperto e indicato per tutti un’unica sorgente della salvezza. Infatti, la Grazia di Dio – tramite cui tutti i Santi furono sempre giustificati – alla nascita di Cristo fu solamente aumentata e non conferita per la prima volta. E questo mistero d’immenso amore, da cui ora tutto il mondo è compreso, era anche nella sua prefigurazione talmente efficace in coloro che avevano creduto al mistero promesso, che essi non furono da meno di quelli che hanno poi ricevuto il dono” (S. Leone Magno, nella foto).