< Torna alla categoria

La vita spirituale e Cristo

Spiritualità09 Giugno 2018
Testo dell'audio

+ In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen.

Qual è il rapporto tra la vita spirituale e Nostro Signore Gesù Cristo?

1) Cristo è il Capo del Corpo Mistico che è la Chiesa; noi ne siamo le membra e dunque viviamo la vita spirituale in Lui;

2) Cristo ci ha redenti tramite la Morte in croce, perciò ha meritato per noi la vita spirituale e tutto ciò che comporta;


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

3) Cristo ci ha mostrato con le Sue dottrine e col Suo esempio come vivere, perciò è anche Insegnante e Modello di questa vita.

In sintesi, Nostro Signore è al contempo principio vitale e meritorio, come anche Insegnante e Modello, della vita spirituale. Per quello abbiamo il diritto ed il privilegio del tutto gratuito di chiamare la vita spirituale ‘Vita Cristiana’.

Cristo, principio vitale


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Ego sum vitis, vos palmites, dice il Signore (Gv 15.5): Io sono la vite e voi i tralci. Questa parola significa che noi facciamo parte di Lui; che la nostra vita fa parte della Sua vita; e che riceviamo la nostra vita da Lui come i tralci della vite ricevono la propria vita dal ceppo a cui sono uniti.

Ma Cristo non è solo la fonte della nostra vita spirituale, bensì anche il Capo. Ciò significa che Lui ha la preminenza su di noi; che ci dirige e muove; e che Lui ci anima e vivifica con i Suoi doni, con le Sue virtù e grazie. ‘Abbiamo visto la Sua gloria’ (Gv 1.14 e 16) … ‘come l’Unigenito del Padre, pieno di grazia e di verità… Dalla Sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto, e grazia su grazia’. Il Concilio di Trento aggiunge (S.6 c.8): ‘Cristo Gesù come capo verso le membra… fa scorrere la virtù sui battezzati in modo costante’.

Ora, in virtù dell’unione intima a Nostro Signore della quale godiamo come membra del Suo Corpo Mistico, possiamo non solo vivere, ma anche meritare, in Lui e con Lui. Questo è vero delle nostre sofferenze: ‘Se partecipiamo ai Suoi patimenti ‘ dice san Paolo (Rom 8.17), ‘sarà per partecipare alla Sua gloria’. Ma sono meritorie non solo le nostre sofferenze, bensì anche tutti i nostri atti cristiani compiuti nello stato di Grazia e meglio sono compiuti, più sono meritori.


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Da Facebook