< Torna alla categoria

La Moltiplicazione dei pani

Spiritualità02 Maggio 2020
Testo dell'audio

La moltiplicazione dei pani nelle mani del Signore e dei Suoi discepoli e la sua distribuzione al popolo e’ simbolo ed anticipazione di un miracolo ineffabilmente piu’ grande che e’ la santa Eucarestia: il pane che diviene nelle mani del Signore e dei Suoi ministri, attraverso i secoli, Gesu’ Cristo Stesso, il Cristo totale: Christus totus.

La Santa Madre Chiesa col miracolo dei pani ci mette dunque davanti agli occhi il miracolo della santa Eucarestia che e’ senza eccezione alcuna la cosa piu’ grande e piu’ preziosa del mondo intero, essendo Gesu’ Cristo Stesso, Che vive da noi nella Presenza Reale. In questo mistero, secondo la parola di uno scrittore, Dio ha attraversato per cosi’ dire un’infinita’ di tempo e di spazio per dimorare in questo povero mondo: per avvicinarSi ed unirSi a noi, e noi con Lui. Per amore di Nostro Signore Gesu’ Cristo nella Presenza Reale bisogna essere pronti a dare la vita.

Si tratta non di una Presenza meramente spirituale, come quando due o tre persone sono riunite nel Suo Nome, bensi’, ribadiamo, della Presenza Reale, sostanziale di Nostro Signore, Corpo, Sangue, Anima, e Divinita’: cio’che esige da noi l’onore piu’ grande che ci sia, cioe’ l’adorazione.

L’adorazione dovuta al Santissimo fu stabilita dalla Chiesa nelle disposizioni seguenti: farsi un segno di croce entrando in chiesa; fare una genuflessione; stare zitti; mettersi umilmente in ginocchio quando viene sull’altare e quando viene alzato dal celebrante, con la parola usata da san Giovanni Battista quando, con gli occhi del corpo, vide il Salvatore cosi’ chiaramente come adesso noi Lo vediamo con gli occhi dello spirito: Ecce Agnus Dei, ecce qui tollit peccata mundi! E poi siamo tenuti ad inginocchiarci per ricevere la santa Comunione (se siamo nello stato di grazia), riceverLa sulla lingua, fare un ringraziamento dopo.


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Essendo il Signore realmente presente in chiesa, bisogna tacere non solo con la lingua, ma anche con la mente: scacciando pensieri sconvenienti e distrazioni, ed evitando di osservare gli altri; indirizzando piuttosto la mente ed il cuore verso Colui Che ci ha amati fino alla morte.

L’evangelista racconta che il popolo ‘fu saziato dal cibo che aveva ricevuto’, un’immagine del nostro saziamento nella santa Comunione: cio’ che e’ se stessa immagine del saziamento definitivo dell’anima di Dio in Cielo. Perche’ l’uomo fu creato per Dio e si puo’ saziare solo di Dio: non dei beni fisici come i piaceri dei sensi; non dei beni spirituali finite, come sono la musica, la letteratura, le conoscenze di qualsiasi tipo; neanche della somma totale di tutte le bellezze di questo mondo, ma solo del sommo Bene Che e’ Dio. L’uomo fu creato da Dio: il suo intelletto per conoscere Dio e la sua volonta’ per amarLo. L’ intelletto per conoscere non le verita’ finite di questo mondo bensi’ la verita’ infinita che e’ Dio; la volonta’ per amare non i beni finiti di questo mondo, bensi’ il bene infinito che e’ Dio. L’uomo e’ stato creato in una parola per l’infinito, per il perfetto e per l’eterno.

Solo con Dio puo’ essere saziato l’uomo, solo con Dio puo’ trovare la pace: ‘Ci avete fatti per Voi, e il nostro cuore e’ irrequieto fin quando non trova la quiete in Voi’ dice sant’Agostino. Fecisti nos ad te: Ci avete fatti con un orientamento verso di Voi; e il cuore e’ irrequieto donec requiescat in Te: fin quando non trovi la sua quiete in Voi. L’amore e’ di due tipi: il desiderio per l’unione e l’unione stessa. Il desiderio e’ il dinamismo attivo che tende all’oggetto; l’unione e’ il riposo passivo nel possesso e nel godimento dell’oggetto. Siamo protesi verso Dio, e non troveremo la pace se non quando saremo definitivamente uniti a Lui.


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Gia’ su questa terra ci possiamo unire a Dio, poiche’ la santa Eucarestia e’ Gesu’ Cristo, e Gesu’ Cristo e’ Dio. Nostro Signore ci dice infatti nel vangelo di san Giovanni: ‘Io sono il pane della vita; chi viene a me non avra’ piu’ fame, e chi crede in me non avra’ piu’ sete… i vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti… chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna’.

La santa Comunione ci unisce a Lui quaggiu’, dunque, ma l’unione stabile ed eterna a Lui sara’ solo in cielo. La’ coloro che si uniscono a Voi ‘si saziano nell’abbondanza della vostra casa, e li dissetate al torrente delle vostre delizie. Ed in voi e’ la sorgente della vita, alla vostra luce vedremo la luce.’

Evitiamo il peccato, coltiviamo le virtu’, preghiamo, compiamo i doveri dello stato di vita, per poter piu’ degnamente riceverLo nella santa Comunione: per prepararci dopo la fine dei nostri giorni quaggiu’ ad unirci piu’ intimamente a Lui in cielo nell’unione anticipata dalla santa Comunione. Amen.


Sostieni RRL

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

Da Facebook