< Torna alla categoria

La legge naturale e il primato della volontà libera

Storia12 Settembre 2018
Testo dell'audio

Per san Tommaso e per la teologia cattolica Dio è Logos, ovvero è ordine razionale. Egli, creando, ha inserito il suo ordine nel mondo e in tutte le creature.

 

Legge eterna e legge naturale

Quest’ordine (che possiamo anche definire “progetto”), da sempre presente in Dio, viene indicato con la definizione di “legge eterna”. Questa legge non la si può conoscere direttamente in Dio, ma viene – appunto – conosciuta attraverso il suo riflesso nel creato e nelle creature.

Se però la creatura è razionale, questo riflesso della legge eterna è definito “legge naturale”: una legge che è inscritta nel cuore di ogni uomo. Tutta la legge naturale si basa su un precetto fondamentale: “è necessario compiere il bene ed evitare il male”.

Resta però la questione di come stabilire cosa sia il bene e cosa il male. Ebbene, questo lo si può fare attraverso l’individuazione delle inclinazioni naturali dell’uomo. San Tommaso afferma che queste inclinazioni sono le tre tendenze primarie corrispondenti al triplice aspetto dell’uomo stesso.

Egli afferma che l’uomo, in quanto “sostanza”, è inclinato all’autoconservazione: sente il bisogno di nutrirsi, di ripararsi dal freddo, di proteggersi da ogni minaccia. In quanto “animale”, è inclinato a perpetuare la vita attraverso la generazione dei figli e la loro educazione. In quanto “razionale”, è inclinato a conoscere la verità e a vivere in società.

Si capisce bene come una convinzione di questo tipo collochi la morale in una posizione intermedia tra il “doverismo” e il “lassismo”. Si evita il lassismo, perché il riconoscimento della legge naturale impone all’uomo di agire secondo un criterio oggettivo e vincolante.

San Tommaso dice che il primo aspetto della legge naturale è il suo essere precettiva. Nello stesso tempo si evita anche il doverismo, perché tale legge è perfettamente conforme all’uomo e alle sue autentiche esigenze. Non è qualcosa di astrattamente imposto, ma una norma intrinseca all’agire umano.

 

Intelletto e volontà

La legge naturale è ovviamente oggettiva e immutabile, perché immutabile è la natura umana. Dunque, le norme etiche non dipendono dall’arbitrio del singolo, bensì sono vincolanti per tutti.

In san Tommaso vi è chiaramente il primato della volontà libera. L’intelletto precede la volontà; nel senso che non si può scegliere e desiderare una cosa se prima non la si conosca; ma è sulla volontà, non sull’intelletto, che ogni uomo verrà giudicato da Dio.

Egli scrive nella Summa Theologiae: «La scienza per tutto ciò che può dare prestigio è un’occasione perché l’uomo confidi in se stesso e non si dia totalmente a Dio. Ecco perché tutto questo talora impedisce occasionalmente la devozione, che, invece, abbonda nei semplici e nelle donne, con la mortificazione dell’orgoglio. Se, però, un uomo sottomette perfettamente a Dio la scienza e ogni altra perfezione, allora per questo stesso fatto la devozione aumenta».

 

La semplicità avvicina a Dio

Come abbiamo appena letto nella citazione, egli era convinto che la semplicità avvicini a Dio; e lui, professore universitario e grande intellettuale, non disdegnava per nulla di comunicare con chi non avesse studiato. Si racconta che nel suo periodo napoletano predicava in maniera così semplice, che le donne del popolo, analfabete, uscivano dalla chiesa con gli occhi bagnati di lacrime, visibilmente commosse per quelle prediche che toccavano il loro cuore.

San Tommaso parlava con chiarezza, facendosi capire anche da chi non aveva ne sapeva nulla di filosofia e di teologia.

 

Questo testo di Corrado Gnerre è stato tratto dal periodico Radici Cristiane. E’ possibile acquistare la rivista anche on line o sottoscrivere un abbonamento, cliccando www.radicicristiane.it