< Torna alla categoria

Cosa implica il “silenzio-assenso” per i trapianti d’organo?

Diario di bioetica03 Settembre 2019
Testo dell'audio

Durante la distrazione generale per la situazione del governo, viene pubblicato il 20 Agosto un comunicato relativo al decreto ministeriale che contiene le norme del regolamento sul SIT, ovvero sistema informativo trapianti previsto dalla legge n.91 del 1999 che prevede il silenzio assenso: in pratica, se non ti sei espresso a riguardo, il tuo silenzio equivale all’assenso all’espianto degli organi. Facendo applicare massicciamente il principio del silenzio-assenso “si salverebbero più vite”. Ma è davvero così? In questa puntata spiegherò le conseguenze di questo principio a livello di salute pubblica e anche a livello medico, con una particolare attenzione a un problema che sempre più studiosi e ricercatori stanno mettendo in dubbio, ovvero il criterio di morte cerebrale.

Da Facebook