< Torna alla categoria

La debolezza dei rappresentanti pro-life in Italia

Analisi e commenti05 Aprile 2019
Testo dell'audio

Il Congresso di Verona conclusosi il 31 marzo è stato un test rivelatore perché ha portato alla luce l’esistenza di un vero e proprio partito dell’odio: quello che si è scatenato sui giornali e nei talk-show e che si è dato appuntamento e ha sfilato a Verona sabato 30 marzo. Non molte persone, forse 10mila o 20mila, ma cariche di odio: tutto l’odio e l’arroganza di cui le femministe e gli attivisti gay sono capaci.

Odio verso la famiglia e odio verso la vita nascente; odio contro l’ordine naturale e cristiano e contro il suo Autore, che è Dio; odio infine contro chi osa difendere l’ordine naturale e cristiano: quelli che il giorno dopo, la domenica 31 marzo, hanno sfilato a Verona in numero non inferiore a quello dei loro avversari.

Ma il Congresso di Verona è anche il stato in test rivelatore della debolezza del fronte dei difensori della famiglia. Non la debolezza del Popolo della Vita che con generosità e spirito di sacrificio è accorso a Verona per la Marcia per la Famiglia. Ma la debolezza dei rappresentanti di questo popolo che, a Verona, sembravano avere solo la preoccupazione di non essere definiti omofobi o retrogradi e hanno più volte ribadito che la legge 194 sull’aborto e quella recente sulle unioni civili non si toccano perché sono leggi dello Stato e come tali vanno rispettate.

Queste leggi dello Stato però hanno conseguenze morali e sociali devastanti e chi veramente difende la famiglia la vita non può accettarle, ma deve respingerle in toto, senza venire a compromessi con la cultura di morte dominante. Ecco, come ha scritto Tommaso Scandroglio su La Nuova Bussola, il movimento pro-life in Italia oggi ha un problema di rappresentanza, è rappresentato in maniera debole e inadeguata. Dobbiamo pregare perché la Divina Provvidenza infonda ai rappresentanti del movimento pro-life maggior coraggio e una più chiara comprensione della lotta in corso, che è una lotta che non ammette nessun compromesso possibile.

Da Facebook